Turismo e sviluppo: la ricetta UNESCO

All’apertura dell’importante evento,  inserito nel Programma Nazionale della Settimana UNESCO ESS 2016, il presidente del sodalizio associativo APS,  Vincenzo Arvia, organizzatore della manifestazione, ha comunicato e consegnato al Sindaco Dott. Vincenzo Gaudio copia della petizione di sensibilizzazione della comunità locale  e la richiesta  di inserire all’O.d.G. del prossimo Consiglio Comunale di Alessandria del Carretto la discussione per avviare l’iter di adesione all’Associazione Borghi Autentici d’Italia.

Interessanti spunti di riflessione sono arrivati per attenzionare le potenzialità sul turismo della terza età con  le sue particolari caratteristiche, i bisogni e le motivazioni del consumo turistico degli over 55,  è una clientela esigente perché conosce il valore del tempo, quindi, sono state evidenziate le criticità dei centri storici e le modalità di fare accoglienza, queste ultime spesso si dimostrano molto inadeguate.

“La Calabria è terra di mare di montagna e gastronomia. E’ possibile, riporta la copertina della brochure del prodotto topico presentato al III Festival del sapore tipico, non solo divertirsi ma anche scoprire un mondo che non ti aspetti, perché il vero viaggio non consiste nello scoprire nuove terre bensì nell’avere nuovi occhi”.

Le condizioni climatiche invernali sarebbero molto favorevoli per praticare un turismo stanziale sui suoi settecentomila chilometri di costa calabresi e nei borghi interni collinari e montani, mediante la promozione del prodotto topico, la fruizione dei 284 musei,  la Calabria, inoltre,  conta 184  siti marini e terrestri – Aree S.I.C. e  Z.P.S – che ricoprono il 19% del territorio regionale   definiti sulla base della direttiva “Habitat Natura 2000”, nonché tre Parchi Nazionali.

Necessita valorizzare fortemente l’evento della Festa dell’Abete e sostenere la sua candidatura nella Lista del Patrimonio Culturale Immateriale dell’UNESCO, caratterizzandola con marcatori identitari.

Sono intervenuti dopo il saluto istituzionale del Sindaco  Vincenzo Gaudio, l’On. Domenico Pappaterra, Ente Parco nazionale del Pollino, un contributo di Franca Biglio, Presidente Associazione Nazionale Piccoli Comuni d’Italia, Franco Maurella, Presidente  Club per l’Unesco di Trebisacce nell’Alto Jonio,  Antonello Grosso La Valle, Presidente UNPLI Cosenza, Rosanna Mazzia, Sindaca Comune di Roseto Capo Spulico,  Michele Aurelio, Vice Presidente Vicario Banca Credito Cooperativo Mediocrati, Vincenzo Passaseo, Sindaco di Salve – Consigliere Direttivo Nazionale Borghi Autentici, Maria Brunella Stancato, Presidente Associazione Volare a Santo Stefano – Presidente Senior Italia Calabria,  Franco Durso, Direttore GAL Alto Jonio Federico II, Vincenzo Farina, Presidente Confesercenti Provinciale Cosenza e Referente Assoturismo, Ettore Carmelo Angiò,  ricercatore storia locale, Tiziana Familiare, Portavoce Club Amici Borghi Autentici Consigliere Direttivo Nazionale Borghi Autentici,  Lenin Montesanto, Referente Slow Food della Condotta Pollino – Sibaritide – Arberia,  ha conlcuso la manifestazione Ivan Stomeo, Sindaco di Melpignano e Presidente dell’Associazione Borghi Autetici d’Italia.

E’ stato detto che i borghi sono diventati la terza gamba del turismo culturale, pertanto necessita la propagazione e la diffusione delle Comunità Cooperative con il coinvolgimento, attorno a un tavolo, di tutti gli attori delle comunità sull’esempio della Comunità Cooperativa di Melpignano, un esempio di sviluppo per un piccolo borgo, un nuovo modello politico-amministrativo da coltivare e trasmettere alle generazioni future.

L’impegno sull’ iniziativa da parte dell’Associazione culturale APS proseguirà ancora, oltre a tenere viva l’idea diaderire alla rete BAI lanciata alla comunità alessandrina, si adopererà per organizzare in collaborazione con l’Azienda Calabria Rural Travel  la partecipazione di una delegazione dei borghi dell’Alto Jonio all’appuntamento annuale dell’Assemblea Nazionale dell’Associazione Borghi Autentici,  edizione 2017, che si terrà nella comunità ospitale di Oriolo Romano in provincia di Viterbo nella prossima primavera.

da www.francolofrano.it