Cosa sono le De.Co. e quali potenzialità offrono?

Cosa sono le De.Co., e quali potenzialità possono offrire ai nostri territori? Il presidente di Confesercenti Cosenza, Vincenzo Farina, è intervenuto a margine di un incontro che ha avuto luogo a San Marzano sul Sarno dal titolo: “Le opportunità delle De.Co”.

Le De.Co. (denominazioni comunali o denominazioni comunali di origine) sono l’insieme delle certificazioni disciplinari, tipicità agroalimentari e le relative fasi di lavorazione legati ad un particolare territorio comunale. A differenza delle denominazioni protette a livello europeo, le De.Co. vengono disciplinate a livello comunale per la valorizzazione locale di prodotti e ricette tipici del territorio. Questi marchi di garanzia sono nati in seguito alla legge 142 del 8 giugno del 1990 che consente ai Comuni la facoltà di disciplinare nell’ambito dei principi sul decentramento amministrativo in materia di valorizzazione delle attività agroalimentari tradizionali. Questa attestazione, pertanto, dimostra l’origine locale del prodotto e ne fissa la sua composizione, ne garantisce gli ingredienti ai produttori del territorio e ai consumatori. Col passare degli anni le De.Co. sono diventate anche uno strumento di marketing territoriale, comunicando e promuovendo il patrimonio culturale ed ambientale presente su una determinata zona oltre i propri confini locali e regionali. Attraverso la certificazione De.Co., il prodotto territoriale agroalimentare o enogastronomico acquista un’identità sul mercato.

Esistono tre gruppi di De.Co. Il primo gruppo può riguardare la tutela di un prodotto tipico, di un prodotto dell’artigianato alimentare o di un prodotto dell’artigianato. Il secondo gruppo è rappresentato dalle De.Co. a tutela di una ricetta, che raffigura il livello meno commerciale e più culturale. Solitamente è legato ad una tradizione che a sua volta ha prodotto una sagra codificando la storia e l’esistenza di un determinato piatto. Il terzo gruppo comprende il filone delle De.Co. multiple, che tutelano tradizioni che riguardano sia elementi del primo che del secondo gruppo.

Per garantire la sostenibilità di una De.Co. occorre la storicità della stessa, per evitare un’improvvisazione al solo scopo commerciale, la certificazione di un patrimonio collettivo e non un vantaggio per una singola azienda.

“Non esiste una strada differente – ha dichiarato il presidente di Confesercenti Cosenza Vincenzo Farina – Oramai tutti, per fortuna, ci siamo convinti che il turismo è innanzitutto territorio. E valorizzazione di quello stesso territorio qualora abbia delle qualità da esprimere. A quel punto si lavora sulle produzioni e soprattutto sulla costruzione di un’identità del prodotto. Solo così si può creare ingrediente giusto per somministrare al turista l’opportunità di ritenere quel territorio la destinazione giusta per trascorrere la sua vacanza, un luogo da gustare e da vivere al massimo. La valorizzazione delle De.Co. – ha concluso Farina – rappresenta un fattore importante per rafforzare l’offerta turistica”.